“Vivere e non sapere”

Un intervento a quattro mani sulla “post-truth” per la Fondazione Veronesi

Oggi si parla molto di “post-verità”, forse anche troppo.  È il nuovo spettro partorito da una percezione/frequentazione non sempre consapevole della rete. Ora, visto che anche i fantasmi (a loro modo) esistono, è bene prenderli sul serio… E quindi Mario Pireddu (Università di Roma-Tre) e il sottoscritto ci hanno provato, scrivendo un articolo dal titolo “Vivere e non sapere. Fenomenologia della post-truth tra educazione e comunicazione”. Il nostro contributo è stato pubblicato da The Future of the Science and Ethics – la rivista della Fondazione Veronesi” e cliccando qui accederete direttamente al testo.

Buona lettura!art

Nessun commento

Lascia un commento